Tag Archives: twitter

La Spia Bipolare

21 Gen
la spia bipolare

la spia bipolare

Ambiente: Twitter

Specie: Spie Bipolari

Lingua: Italiano 2.k

Tipo di messaggio: Constatazione pessimista

Destinatario: L’ex ragazzo, naturalmente

Punti di forza: L’hashtag tematico

Valore della Lezione di Vita: 6/10

Con orgoglio inauguro la prima Lezione proveniente da Twitter!!! Ma non siete commossi ed insieme soddisfatti quasi con la cagarella dall’emozione incontenibile? Io si. Il contributo mi è stato inviato da Kazeyumi, quindi ringraziamola tutti insieme: un-due-tre GRAZIEEE!

La sottospecie è quella molto comune dei Bipolari, ma la specie, quella no, quella è rara, sono le astute Spie. Qui ne abbiamo un esemplare molto giovane, direte, che in quanto astuzia ne deve ancora mangiare di pagnotte!, penserete. Infatti scrivere nel proprio contatto @_ _ _ Echelon si può proprio definire una mossa poco meditata, vero? E invece vi sbagliate, come al solito. Lei è una spia, che scrive e dichiara di essere una spia, perchè andiamo, ad una che dice di essere una spia chi cazzo le crede? è una cassiera all’Oviesse, penseranno in molti; sistema la frutta al Carrefour, affermeranno gli altri; fa il mignottone da sbarco all’Hollywood (ma esiste ancora? Son vecchia, cito i posti di quando avevo 17 anni). E invece no, è una spia, un agente segreto secretizzimo.

La lingua utilizzata è l’Italiano 2.k, ovvero l’italiano che va per la maggiore sul web (tra i bimbominkia, s’intende) che combina l’utilizzo delle abbreviazioni mediante omissione di lettera all’uso delle kappa. Ma non è una bimbominkia, lo fa, per mimetizzarsi, non lo è, è una spia.

Veniamo al tipo di messaggio: è una Constatazione pessimista, ed è anche giusto così, anche le spie hanno momenti No. Insomma tu passi tutto il giorno a verificare documenti sugli avvistamenti degli Ufi, vai a spiare i russi in Siberia per 9 settimane e mezzo, partecipi a 5 meeting segreti a settimana… ci sta pure che prima o poi mandi tutto a fanculo e piangi ascoltando le canzoni dei Modà.

Ora parliamo del destinatario: trattasi di ex ragazzo crudele, che ovviamente l’ha lasciata perchè non c’era mai. “Ma che cazzo ha da fare ogni notte una cassiera dell’Upim, eh? Vai per caso a fare la zoccola? Devi dirmelo, puttana frusta!”. Non ha avuto fiducia, non sapeva che fosse una spia, ed ora è a Miami con la figlia di un magnate del petrolio. Chiamalo coglione.

Il punto di forza consiste nell’uso dell’Hashtag tematico, perchè lei lo sa, è uno strumento fondamentale per finire in TT, quindi per farsi leggere. Micapegnente quella è una spia. E poi guardate bene di non fare gli splendidi perchè danno un enorme plus al messaggio, danno spunti di riflessione, di ricerca, di discussione. Tra i migliori troviamo #believersforjustin4ever, #directionerslovestacippadicazzo, #30secondstomarsandonetoaffancul,  #setuamammafosseuntravione, ecc.

E con queste premesse un 6 non glielo volete dare? In cambio limonate con Justin Bieber.